La forza dell’innovazione sposa la tradizione ed è successo

Pubblicato il 31 ottobre 2015 su “Umbria Economia”, approfondimento del “Giornale dell’Umbria” di P. Mannocci

Moderni arredi in acciaio al servizio dell’alta ristorazione e della sanità.

La nostra regione vanta nel proprio business bouquet numerose aziende di eccellenza. Aziende che facendo tesoro del proprio know-how, guardano a nuove tecnologie e a nuove frontiere da conquistare. Fiori all’occhiello da portare alla ribalta internazionale, passando anche per l’Esposizione universale di Milano.
Ms Service ne è un tipico esempio. Realtà giovane e innovativa di Bastia Umbra, l’azienda nasce nel 2012 dall’ingegno della famiglia Mencarelli e soci, ed è presto riferimento nel settore della meccanica, oltre ad essere partner per la progettazione, prototipizzazione, produzione ed industrializzazione, sia nel settore della refrigerazione che della cottura. Negli anni è diventata punto di riferimento anche per le aziende internazionali e testimone importante della tradizione del contoterzismo regionale. La produzione attuale è concentrata nello sviluppo di sistemi di cottura diretta ed indiretta su vetro ceramica.
Particolare attenzione è rivolta anche al free standing e piani cottura da incasso, studiati per rispondere a specifiche esigenze del cliente, che possono includere richieste particolari di brand, materiali, componentistica ed accessori, prestazioni, dimensioni e dettagli di design.
A partire dal 2014, Ms Service è andata oltre e ha sviluppato due linee di prodotti propri caratterizzate da alta qualità, eleganza del design e attenzione al risparmio energetico finalizzate al settore dell’alta ristorazione e della sanità attraverso i marchi Prokuch e Health Department.
Di questi brand, e di altro, parla il direttore generale, Doriano Mencarelli.
«Prokuch, Focus on Innovation, è il giovane brand di prodotti professionali ad alto contenuto tecnologico e di design, studiati per il settore della ristorazione, Ho.re.ca. (Hotellerie – restaurant – catering) ed anche per l’uso domestico. Il brand vanta importanti collaborazioni con realtà locali, come l’Università degli studi di Perugia, l’Università dei sapori, con il designer Francesco Paretti ed altri interior designer legati all’ambiente cucina. Il brand Prokuch consta di quattro linee: Linea domestica professinoale, Linea interior design, Linea professionale & settore Ho.Re.Ca. e Linea educational & cooking school, nata dalla collaborazione con l’Università dei sapori e con Francesco Paretti. Questa linea si sta affermando nel campo della formazione professionale e a distanza».

Ms Service ha anche un nuovo brand, Health Department, relativo al settore sanità. Quali le caratteristiche?
«Con Health Department Ms Service ha deciso di guardare anche alla produzione degli arredi in acciaio altamente elaborati, specifici per il settore della sanità e servizi. Settore che ha visto l’affermazione della nostra azienda. I prodotti vengono realizzati infatti, applicando tecniche e processi di ultima generazione ed utilizzando i migliori acciai specifici che li rendono particolarmente performanti per l’utilizzo nel comparto sanitario. La produzione avviene sia su progetto e richieste tecnico-specifiche fornite dal cliente che direttamente, attraverso una progettazione ed uno studio interno all’azienda».

L’azienda con i suoi prodotti innovativi ha fatto bella mostra di sé anche nella prestigiosa vetrina di Expo. Quale il consuntivo di questa esperienza?
«L’esperienza di ExpoMilano 2015 ci ha visti protagonisti con alcuni dei nostri prodotti quali lo Spillatore PK1, il primo prototipo della Cucina didattica multimediale ed alcuni modelli di piani cottura e piastre ad induzione, esposti presso lo spazio Adi (Associazione per il disegno industriale), sede del progetto “Umbria Experience” della Regione Umbria, all’interno di Cascina Triulza.
La nostra partecipazione sempre a stretto contatto con il partner Università dei sapori di Perugia ci ha visti entusiasti di poter rappresentare l’Umbria in qualità di azienda simbolo di eccellenza ed innovazione. Insieme ad altri protagonisti, ben inteso».

Ed ora, ad esperienza conclusa?
«Ora, ad esperienza conclusa, siamo ancora più convinti, motivati e forti, grazie anche al successo ed interesse suscitato nei visitatori. Dopo questi riscontri, saremo sempre più pervicaci nel procedere con passione nella nostra mission, nel lavorare ai nostri progetti e nel realizzare i prossimi obiettivi. La grande “vetrina” di Expo per i nostri prodotti, si è tradotta infatti in contatti, rapporti, costruzione di rete di imprese che ci vedranno attivamente coinvolti soprattutto nel 2016 in numerosi nuovi progetti e collaborazioni, anche fuori dal mercato italiano».

La pesante recessione non sembra aver sfiorato l’azienda. Quali sono stati i vostri punti di forza per contrastare l’andamento generale?
«Ciò che ci ha permesso di affrontare in modo solido e stabile la recessione e le difficoltà degli ultimi tempi dovute soprattutto alle generali condizioni socioeconomiche sono i punti forti dell’azienda, riassumibili nell’esperienza pluriennale e consolidata nel settore della meccanica; l’enorme esperienza nella produzione di cucine e piastre ad induzione; la capacità e la flessibilità nel realizzare su misura i prodotti, rispettando le specifiche e peculiari esigenze dei clienti; l’utilizzo di materiali accuratamente selezionati e di prima qualità; la consulenza specifica nella scelta dei materiali; il rispetto del miglior rapporto qualità-prezzo; la collaborazione pluriennale con l’Università dei sapori per la progettazione di cucine, laboratori didattici e piastre ad induzione; la ricerca costante verso l’innovazione del prodotto. Il tutto, ovviamente, unito alla dinamicità e flessibilità dei metodi di produzione. Ora guardiamo con fiducia al futuro, con la consapevolezza che l’unione di più e diverse realtà, anche se in settori tra loro differenti, possa contribuire fortemente per il rilancio dell’attività economica, non solo a livello regionale ma anche e soprattutto a livello generale, offrendo e aprendo nuove possibilità anche in altri contesti».

Quali sono, signor Mencarelli, i nuovi obiettivi che la Ms Service si pone? A cosa state lavorando nell’immediato?
«Grazie alle quattro linee dei prodotti Prokuch siamo in grado di rivolgerci a diversi ed ampi settori garantendo a tutti, la stessa professionalità, esperienza, attenzione e cura dei dettagli, del design estetico e le innovazione più avanzate. Il primo obiettivo è quindi quello di consolidare, in ogni settore, la nostra presenza ed esperienza diventando sempre più dei punti di riferimento imprescindibili nel mercato specifico».

Qual è il vostro approccio verso il mercato globale? Quali i Paesi con i quali avete stabilito rapporti commerciali?
«Rispetto al mercato globale e alle strategie di espansione tipiche delle multinazionali la linea strategica scelta per i prossimi anni mira ad identificare nicchie di mercati in vari Paesi, pronte ad investire e ad avviare la produzione di prodotti affini ai nostri. Marocco, America Latina e America del Nord, Cina e Russia, sono le nostre prossime mete da conquistare. Paesi caratterizzati da consumatori fortemente interessati alla gamma dei nostri prodotti per la cottura, sia nel settore domestico che professionale. Ciò permetterà inoltre ai maggiori centri di cooking school nei diversi Paesi, di apprendere e scambiare nuovi patrimoni enogastronomici, a partire da quello italiano».
Recentemente, per non farsi mancare nulla, Ms Service, ha deciso di avviare una produzione di pregiata birra artigianale, la Birra del Coppo, in quattro diverse tipologie: chiara, rossa, bionda e rossa intensa. Perché nulla è precluso a chi guarda lontano.

Webmaster, 06/11/2015 12:49:00